closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Frances McDormand, percorsi fra resilienza e nuove vite

Cinema. Doppio premio Oscar per «Nomadland», l’attrice americana racconta l’esperienza legata al film. «Possono sembrare figure eccentriche e forse sono un po’ ansiose, ma le loro scelte non sono inconsulte: sono dettate dall’assenza totale di politiche governative»

Frances McDormand

Frances McDormand

Con i premi ricevuti il mese scorso come produttrice e migliore attrice protagonista di Nomadland, Frances McDormand, 63 anni e uno dei volti più caratteristici del cinema d’autore a stelle e strisce, ha raddoppiato il personale palmares Oscar che comprende anche statuette per Fargo e Tre manifesti a Ebbing , Missouri. Come quest’ultimo film, Nomadland ha esordito al Lido, alla scorsa Mostra del Cinema, anche se in assenza dell’attrice/produttrice che ha invece presenziato ad una proiezione simultanea in un drive-in di Pasadena, dinnanzi ad una platea di macchine parcheggiate ed un coro di claxon quando assieme alla regista Chloe Zhao...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi