closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

«Evismo» di ritorno in Bolivia, volano le sedie tra vertici e base del Mas

Scontro sulle candidature. Ma Arce mantiene la promessa: fuori dall’esecutivo gli esponenti più legati all’era Morales

3 dicembre 2020, Evo Morales partecipa a una manifestazione a El Alto

3 dicembre 2020, Evo Morales partecipa a una manifestazione a El Alto

Era stato uno dei principi affermati con più forza durante l'esperienza di governo del Mas, il Movimiento al Socialismo di Evo Morales: quello, proprio del progetto zapatista, del «comandare obbedendo». Ma quanto oggi in Bolivia tale principio sia in crisi, lo indica nel modo più clamoroso lo scontro consumatosi tra vertici del partito e organizzazioni di base attorno alle candidature per le elezioni regionali e municipali del prossimo 7 marzo. LO SCONTRO ERA NELL'ARIA fin da quando, all'indomani del trionfo di Luis Arce alle elezioni del 18 ottobre, Morales, tuttora capo politico del Mas, aveva parlato di «problemi interni» e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi