closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

El Salvador nel caos alla prima mondiale del bitcoin

Prime proteste contro Bukele. Dubbi, disservizi, crollo del valore del 10% nel mondo il giorno stesso dell'introduzione del corso legale nel Paese. Ma tra cripto-moneta e concentrazione di poteri senza precedenti, il presidente "millennial" tira dritto e raddoppia

«No bitcoin», la protesta

«No bitcoin», la protesta

Ha debuttato piuttosto male il bitcoin in El Salvador, primo paese al mondo ad aver dato corso legale alla cripto-moneta. E il suo presidente "millennial", Nayib Bukele, ha sperimentato per la prima volta una caduta della propria popolarità, oltre che la più grande manifestazione di piazza contro di lui. Al di là del fatto che proprio martedì scorso il bitcoin ha perso in un paio d’ore più del 10% del suo valore nel mondo (chissà forse anche per questo suo lancio nel piccolo paese centroamericano), alla gran parte dei salvadoregni, quelli confinati per almeno i due terzi in un’economia informale...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.