closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Egitto, tra i 2.300 arrestati c’è Alaa Abdel Fattah

La repressione di al Sisi. Blogger e simbolo della rivoluzione del 2001. Presi di mira anche gli stranieri tra cui un’olandese. L'alta commissaria Onu per i diritti umani Bachelet: «forte preoccupazione»

Non c’è pace per Alaa Abdel Fattah, attivista, blogger e intellettuale, figura di spicco della rivoluzione egiziana del 2011, vittima anche lui dell’ondata di repressione scatenata dal regime dopo le proteste del 20 settembre. Domenica mattina come ogni giorno sarebbe dovuto uscire dalla stazione di polizia di Doqqi, dove è costretto ormai da circa sei mesi a trascorrere la notte, secondo le regole del regime di sorveglianza speciale a cui è sottoposto. Ad attenderlo fuori la madre, che si è insospettita quando ha trovato l’intera area transennata, per poi scoprire che Alaa era stato arrestato. Finora è stato impossibile per...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.