closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Egitto, cittadino Usa muore dopo sei anni in cella

Il Cairo. Moustafa Kassem era stato arrestato nell'agosto 2013, nei giorni del massacro di Rabaa. Condannato a 15 anni, si è sempre difeso. Ha scritto svariate lettere a Trump, che intanto definiva al-Sisi "un grande"

Moustafa Kassem si trovava già in una cella della prigione di Tora, tra le più terribili carceri egiziane, quando il suo presidente, Donald Trump, parlava dell’omologo egiziano Abdel Fattah al-Sisi come di «un grande, il mio dittatore preferito». Padre di due figli, 64 anni, cittadino egiziano-statunitense di New York, Kassem è morto lunedì dopo sei anni di detenzione. Era stato arrestato nell’agosto 2013, nei giorni della strage di Rabaa (circa mille sostenitori dei Fratelli musulmani uccisi a un mese dal golpe di al-Sisi) e condannato a 15 anni. Lui si è sempre difeso: faceva shopping lì vicino, ripeteva. Malato di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.