closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Diciannovenne fa strage in una scuola di Kazan, nove le vittime

Russia. L'ombra di Beslan, ma non è terrorismo. «È il gesto di un folle». E Putin stringe sulla circolazione delle armi individuali

I parenti delle giovani vittime di Kazan

I parenti delle giovani vittime di Kazan

Nove persone uccise (sette studenti e due adulti, tra cui un insegnante) e 21 feriti. È il bilancio della strage avvenuta ieri mattina nella scuola 175 di Kazan, capitale della repubblica russa del Tatarstan. Un dramma che ha riportato alla memoria la strage di Beslan avvenuta in Ossezia del Nord nel 2004, quando un gruppo di oltre 30 terroristi, fondamentalisti islamici e separatisti ceceni - dopo aver occupato la «Scuola 1» della città - uccise oltre 300 persone (di cui 186 bambini) ferendone oltre 700 dopo l’irruzione delle forze speciali nell’edificio. Una strage che, come allora, si è consumata al...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi