closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Dalla Calabria al Brasile. Storia di Libero Giancarlo Castiglia

Libri. «Joca, il Che dimenticato», di Alfredo Sprovieri edito da Mimesis

Libero Giancarlo Castiglia

Libero Giancarlo Castiglia

Di Ernesto Guevara, Giancarlo Castiglia possedeva tante virtù. Li accomunava non soltanto la fine, l’esser morti combattendo in una foresta del Sudamerica, a pochi anni di distanza l’uno dall’altro. Soprattutto, pur non essendosi mai conosciuti, i due condividevano la propensione alla tenerezza, il coraggio, il desiderio di vivere l’utopia. Libero Giancarlo Castiglia, conosciuto come «Joca», era un ragazzo calabrese, uno dei tanti emigrati in Brasile, insieme a tutta la famiglia, per trovare lavoro. Alla storia di questo giovane metalmeccanico comunista, nativo di San Lucido in provincia di Cosenza, entrato in clandestinità dopo il colpo di Stato del 1964 in Brasile,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi