closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

«Cucchi torturato come Regeni»

Processo d'appello. Dura requisitoria del pg contro i medici dell’ospedale Pertini. La pubblica accusa chiede la condanna dei sanitari che lo hanno «lasciato morire». E oggi nuova riunione dei periti dell’inchiesta sul pestaggio

Stefano Cucchi

Stefano Cucchi

«Stefano Cucchi è stato vittima di tortura come Giulio Regeni, è stato ucciso dai servitori dello Stato, si tratta di stabilire solo il colore delle divise». L’eco delle parole pronunciate ieri dal procuratore generale Eugenio Rubolino davanti alla III Corte d’assise d’appello che celebra il processo bis ai medici dell’ospedale Pertini rimbombano nelle aule parlamentari italiane, dove la parola tortura rimane ancora un tabù o quasi. Al pari, dal punto di vista legislativo, dell’Egitto. Forse nemmeno Ilaria Cucchi e il suo avvocato Fabio Anselmo si aspettavano di sentire finalmente parole così forti e liberatorie nell’aula del tribunale che emetterà sentenza...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.