closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Crimini contro l’umanità in Siria, il gruppo Lafarge rischia grosso

Francia. La Corte di cassazione ribalta la sentenza d'appello sul gigante mondiale del cemento: pagò l'Isis per continuare a fare affari a Rakka

Un cementificio Lafarge

Un cementificio Lafarge

Il gruppo Lafarge, gigante mondiale del cemento (oggi Lafarge-Holcim, dopo la fusione del francese con il gruppo svizzero) potrebbe dover rispondere di fronte a un tribunale in Francia non solo per «finanziamento del terrorismo» ma anche per «crimini contro l’umanità». La Corte di cassazione ha difatti annullato una decisione della Corte d’appello di Parigi del novembre 2019, che non aveva accolto una sentenza di primo grado che metteva in causa l’attività del gruppo in Siria fino al 2014: due ong, Sherpa e Centro europeo per i diritti costituzionali e umani, assieme a 11 ex dipendenti del gruppo, avevano sporto denuncia...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.