closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Caso Cucchi, il pg chiede 13 anni per i 2 carabinieri

Processo d'appello. Ilaria Cucchi: «Di fronte a fatti del genere non possono esistere attenuanti, non c'è nulla che possa giustificare tanta violenza gratuita»

Un'immagine di Stefano Cucchi

Un'immagine di Stefano Cucchi

Nel processo d’appello per l’omicidio di Stefano Cucchi il procuratore generale di Roma Roberto Cavallone ha chiesto di aumentare le condanne dei carabinieri coinvolti, escludendo le attenuanti generiche riconosciute in primo grado. Da 12 a 13 anni di reclusione per gli agenti Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro, ritenuti responsabili di omicidio preterintenzionale. Da 3 anni e mezzo a 4 e mezzo per Roberto Mandolini, l’allora comandante della stazione Appia che secondo i giudici falsificò il verbale d’arresto del ragazzo. Nei confronti del militare Francesco Tedesco, invece, Cavallone ha chiesto l’assoluzione perché il fatto non costituisce reato. Quest’ultimo aveva assistito...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.