closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Cartografie per una ricerca sicura

Caso Regeni. Difendere la ricerca significa difendere una società aperta dall’ignoranza di chi la definisce in un linguaggio giuridico-burocratico

Leggere che la procedura di autorizzazione alla ricerca di Giulio Regeni presso Cambridge abbia definito l’Egitto un Paese sicuro desta impressione, e scosta la tenda dietro cui si organizza quotidianamente la gestione delle attività di ricerca nelle università, argomento lontano dalla pubblica attenzione. La tragedia ha illuminato ampie e profonde contraddizioni che riguardano tanto la disciplina della “ricerca a rischio” quanto le distorsioni che essa introduce nel processo di produzione di conoscenza scientifica. Da diversi mesi un numero crescente di università italiane ed europee è impegnato in un dibattito – a cui le pagine del Manifesto hanno dato spazio -...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.