closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Boko Haram choc, sono 110 le ragazze rapite nell’istituto tecnico

Nuovo caso Chibok in Nigeria. Dopo aver tentato di minimizzarne il bilancio per giorni, le autorità ammettono la gravità del raid di lunedì scorso in una scuola dello stato di Yobe. Disperazione e rabbia tra i parenti

Quel che resta delle ragazze rapite nel cortile dell'Istituto tecnico femminile statale di Dapchi

Quel che resta delle ragazze rapite nel cortile dell'Istituto tecnico femminile statale di Dapchi

Dopo giorni di cifre sparate a casaccio e toni evasivi, l’amara verità è venuta a galla. Per ammissione delle stesse autorità nigeriane sono ben 110 le ragazze che i miliziani di Boko Haram hanno prelevato con la forza da una scuola di Dapchi, nello stato di Yobe lo scorso 19 febbraio. Frequentavano il locale Istituto tecnico femminile statale e questo le rendeva un bersaglio "naturale" dell’organizzazione jihadista, che dal 2009 si stima abbia causato negli stati del nord est la morte di oltre 20 mila persone. Spedendo kamikaze contro mercati e stazioni dei bus, occupando interi villaggi o, come in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.