closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Allarme del ministro tedesco: «Siamo in deficit di vaccini»

Germania. Nel suo primo appello al Bundestag nelle vesti di cancelliere, Olaf Scholz lancia la lotta alla pandemia del nuovo governo, ma è una guerra con poche armi: «Abbiamo ordinato troppe poche dosi» annuncia Karl Lauterbach. Mentre spunta il piano dei No vax di estrema destra per eliminare il governatore della Sassonia

Olaf Scholz ieri al Bundestag

Olaf Scholz ieri al Bundestag

«Combatteremo la battaglia contro la pandemia con la massima determinazione. Non c’è più tempo da perdere». Nel suo primo appello al Bundestag nelle vesti di cancelliere Olaf Scholz promette esattamente ciò la maggioranza dei tedeschi si aspetta da lui, confermando che per il governo “Semaforo” la lotta al Covid rimane la priorità assoluta. Prima di squadernare i numeri del piano anti-contagio anticipato a fine novembre: «Su 30 milioni di vaccinazioni previste entro fine mese abbiamo già raggiunto quota 19 milioni. Siamo sulla strada giusta». PIÙ O MENO, ovvero a patto di far finta di non aver sentito l’inquietante allarme lanciato...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.