closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Reportage

Al mercato delle donne rapite in Argentina

La storia. Margarita le cerca da anni: migliaia di ragazze sequestrate e costrette a prostituirsi in tutto il paese, crocevia della tratta. Un fenomeno enorme che le autorità continuano a negare

La protesta

La protesta

A Buenos Aires sono ovunque. Sono viola, rossi, gialli, bianchi. Hanno dei disegni: fiori, cuori, tacchi alti, silhouette di donne. Sono attaccati ai pali della luce, alle fermate del bus, ai cassonetti. Sono fogli molto piccoli, sopra un disegno generico e un numero di telefono. La capitale argentina ne è invasa. Ma dietro a ognuno di quei foglietti c’è la storia di una donna. Una donna rapita e sequestrata, vittima di tratta. Quei papelitos sono i biglietti da visita di centinaia di bordelli, detti postriboli, sparsi in tutto il paese, luoghi dove migliaia di donne vengono sequestrate e costrette a...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.