closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Ad Afrin 127 i civili uccisi dalla Turchia in 14 giorni

Siria. Sale il numero delle vittime tra la popolazione, mentre i miliziani dell'Esercito Libero pubblicano un video nel quale si vede il corpo mutilato di una giovane combattente curda

Miliziani siriani celebrano Erdogan nella città siriana di Suran

Miliziani siriani celebrano Erdogan nella città siriana di Suran

A 14 giorni dal lancio dell’operazione turca sul cantone curdo siriano di Afrin, secondo l’ospedale locale sono 127 i civili uccisi (tra cui donne e bambini) e 168 i feriti. Un attacco alla popolazione, denunciano le Ypg/Ypj, da parte dei soldati turchi e i miliziani dell’Esercito Libero. Che ieri hanno scioccato il mondo con un video nel quale si vede il corpo mutilato di una combattente curda, Barin Kobani. Intanto vanno avanti i colloqui tra Stati uniti e Turchia su Manbij, comunità che ospita 2mila marines e su cui Erdogan intende allargare a breve attacco. Il capo del Pentagono Jim Mattis ha...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.