closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

A Genova 2001 fu violenza di stato

Genova 2001. La denuncia del pm genovese: «La maggior parte dei reati commessi dalle forze dell’ordine durante quel luglio del 2001 non sono stati oggetto di azione giudiziaria. Degli oltre 300 arresti effettuati, due terzi non furono convalidati. Sono state decine le violenze impunite, i verbali falsificati e le false testimonianze rese da poliziotti e carabinieri. I disordini in piazza furono causati dall’attacco indiscriminato contro manifestanti pacifici, e la loro ribellione fu giustificata»

Il testo che qui pubblichiamo è uno stralcio del saggio «Genova: 14 anni dopo il luglio 2001» pubblicato nel numero monografico «Qualegiustizia» della rivista Il Ponte (4-5/2015), a cura di Livio Pepino. 1. Il lapidario giudizio che Amnesty International ha espresso in relazione ai fatti del G8 di Genova, cioè quello di aver rappresentato «la più grave violazione dei diritti umani occorsa in una democrazia occidentale dal dopoguerra», vale a significare la portata del trauma che ha subito in tale occasione il sistema giuridico istituzionale che, pur sottoposto a uno stress test di portata relativamente modesta fronteggiare episodi di dissenso...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.