closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Vw, ora cadono teste. «Serve riscatto morale»

Autorottamazione. È Müller il nuovo Ceo. Il governo: in Germania quasi tre milioni di vetture con motore truccato. L’Ig Metall: serve una cultura della trasparenza». Ma anche il sindacato ora sotto accusa

Matthias Müller, nuovo Ceo della Volkswagen

Matthias Müller, nuovo Ceo della Volkswagen

«Lo scandalo emissioni è un disastro morale e politico». Parole inequivocabili, quelle che il presidente ad interim del consiglio di sorveglianza (Aufsichtsrat) della Volkswagen, Bertold Huber, ha pronunciato ieri pomeriggio, poco dopo avere annunciato il nome del nuovo amministratore delegato. Sarà, come previsto, Matthias Müller, fino a ieri a capo della controllata Porsche, uomo che conosce bene l’azienda e che è sempre stato considerato il delfino del suo predecessore improvvisamente caduto in disgrazia, Martin Winterkorn. Di fronte a Müller, dunque, innanzitutto il compito di «riscattare moralmente» un’impresa-simbolo di quel «modello Germania» spesso e volentieri offerto come esempio di virtù a...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi