closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Verso un nuovo contratto sociale

Biennale Architettura. La 17/a edizione della Mostra internazionale, curata da Hashim Sarkis, si apre interrogando lo scenario incerto del nostro futuro. Un percorso tra Arsenale e Giardini, tra collettivi, padiglioni e tentativi ottimisti di ribaltare l'allarmante situazione del pianeta

Skidmore-Owings-Merrill (Som), «Life Beyond Earth»

Skidmore-Owings-Merrill (Som), «Life Beyond Earth»

È la prima volta che il tema scelto della Mostra internazionale dell’architettura si presenta come domanda: How will we live together?. Hashim Sarkis, il direttore di questa XVII edizione - che ha scelto il titolo mesi prima che la pandemia ci costringesse lo scorso anno in lockdown a contare le vittime del Covid19 -, contiene in sé, insieme alla spinta ad agire presto e con risolutezza, tutta l’incertezza di come sarà mai nel prossimo futuro il «vivere insieme» sulla Terra. L’interrogativo posto da Sarkis - architetto di origine libanese, studio a Beirut e Cambridge (MA) dov’è preside della School of...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi