closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Turchia, uccise 21 donne in tre settimane di lockdown

Femminicidi. Di queste 14 ammazzate tra le mura domestiche, denunciano i gruppi femministi e le associazioni per i diritti delle donne. Lo scorso anno 477 femminicidi in un paese il cui presidente ha fatto della misoginia un marchio di fabbrica

Manifestazione in Turchia contro la violenza di genere

Manifestazione in Turchia contro la violenza di genere

Sono 21 le donne uccise in Turchia dall’11 marzo, inizio del lockdown imposto dalle autorità per limitare i contagi da coronavirus. Più di una al giorno. Di queste, 14 sono state uccise a casa, tra le mura domestiche. Il bilancio sale a 29 in tutto il mese di marzo. I numeri, allarmanti, sono stati resi noti ieri dalla piattaforma We Will Stop Women’s Murder, formata da gruppi femministi e associazioni per i diritti delle donne: restare a casa per molte significa violenza. E morte. Tra le vittime c’è Hatice Kurt, 46 anni, uccisa a colpi di pistola dall’ex marito. E...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi