closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Tracollo della moneta turca. Erdogan grida al complotto

Turchia. In un solo giorno svalutazione del 15%, il 40% in pochi mesi. Il governo presenta un nuovo piano economico, ma non convince. Trump getta benzina sul fuoco di un’economia già debole, a monte il caso Brunson e l’intervento in Siria. Il presidente: «Questa è una guerra economica che non perderemo. Loro hanno i dollari, noi il nostro Dio»

Berat Albayrak, ministro del Tesoro  e genero di Erdogan

Berat Albayrak, ministro del Tesoro e genero di Erdogan

«Loro hanno i loro dollari, noi abbiamo la nostra gente, i nostri diritti e il nostro Dio». Così il presidente turco Recep Tayyip Erdogan arringava la folla ieri nei pressi di Bayburt, sul Mar Nero, uno dei suoi feudi elettorali. Impossibile per lui eludere il tema: la lira turca crolla e getta tutti nel panico, investitori e cittadini. Ma il reis dice di vedere il nemico e invita tutti alla calma: «Ci sono varie campagne in corso: non curatevene. Questa è una guerra economica che non perderemo». Chiede ai suoi cittadini di avere pazienza, di ricordare dove erano 20 anni...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.