closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

«The Last Shelter», storie di migranti sul bordo del deserto

Intervista. Ousmane Samassekou racconta il suo film, girato in Mali, nel rifugio per chi è in strada verso l’Europa. Esther e Kadi vogliono arrivare in Algeria, Natascha non ricorda più il suo passato

Ousmane Samassekou

Ousmane Samassekou

Racconta Ousmane Samassekou che quel rifugio al centro del suo film lo ha scoperto per caso, in Mali ci vive ma non ne conosceva l’esistenza forse perché né lui né le persone che gli sono vicine hanno mai dovuto viaggiare clandestinamente per arrivare in Europa. Da qualche però parte la storia che si ripete giorno dopo giorno nell’immensità del deserto, in cui si intrecciano passi, speranze, paura, violenza, ricatti - quel «commercio» umano di cui sappiamo e che sono costretti a subire nel viaggio verso l’Europa - appartiene alla sua memoria famigliare, lo zio è partito tanti anni fa e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi