closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Su Gerusalemme la Ue si defila, gli Usa stavolta no: «Fermare gli sgomberi»

Palestina/Israele. Bruxelles chiede a entrambe le parti di «evitare un’escalation» in un confronto tra forze impari. La Casa bianca si rivolge a Tel Aviv: stop alla cacciata di famiglie palestinesi che vivono lì da generazioni. Pelosa la reazione delle cancellerie arabe

Operazioni della polizia israeliana contro i palestinesi a Gerusalemme est

Operazioni della polizia israeliana contro i palestinesi a Gerusalemme est

C’è voluto un po’ di tempo prima che le cancellerie internazionali si accorgessero che a Gerusalemme stava accadendo qualcosa di più di quello che il mondo ormai associa ai Territori palestinesi occupati: tensioni, confische, scontri. Una realtà che agli occhi esterni pare cristallizzata ma che è in graduale involuzione. Peggiora, sempre, con un unico punto fermo: il divario di diritti tra un popolo e un altro. COSÌ, QUELLA CHE sembrava una confisca come un’altra, le case palestinesi di Sheikh Jarrah a favore del movimento dei coloni, ora preoccupa. L’allargamento repentino della protesta palestinese al cuore della città santa, la Spianata...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi