closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Strage dei bambini, l’Onu contro l’Italia: «Ritardò i soccorsi»

Mediterraneo. Nel naufragio dell’11 ottobre 2013 persero la vita 200 migranti, 60 dei quali erano minori

E’ stata definita la «strage dei bambini» perché tra i 200 migranti che quel giorno persero la vita, era l’11 ottobre del 2013, c’erano anche 60 minori. Una delle tragedie più gravi del Mediterraneo, preceduta solo 8 giorni prima, il 3 ottobre, da un’altra: l’affondamento a soli 300 metri dalle coste dell’isola di Lampedusa di un barcone stracarico di migranti, 368 dei quali persero la vita. Un dramma così grande che quasi offuscò la sorte di quelle 200 vittime che vennero in seguito e, soprattutto, le responsabilità avute dall’Italia in quanto accadde. Sì perché non lontano da quel peschereccio in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi