closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Sgomberi sotto le Piramidi, governo denunciato

Egitto. I residenti di Nazlet al-Semman contro i piani del Cairo: un hub turistico a Giza a scapito di 4.800 famiglie. La minaccia incombe dal 2019 tra demolizioni e congelamento del progetto. Ma ora che accelera la comunità prova a resistere

Le Piramidi di Giza sullo sfondo di un nuovo ponte, costruito dal governo nell'ambito del rinnovo del sito archeologico

Le Piramidi di Giza sullo sfondo di un nuovo ponte, costruito dal governo nell'ambito del rinnovo del sito archeologico

La minaccia di sgombero pesa sulle case di Nazlet al-Semman da almeno tre anni. Sono arrivati anche i bulldozer nel 2019 a demolirne alcune, sono tornati lo scorso agosto. Ne sono seguite proteste che ora salgono di livello. Non più in strada ma in tribunale: 41 residenti della comunità informale sorta intorno alle Piramidi di Giza hanno denunciato il governo del primo ministro egiziano Mostafa Madbouly per aver ordinato l’espropriazione delle loro abitazioni. Lo riporta l’agenzia indipendente egiziana Mada Masr: la denuncia è stata consegnata al Consiglio di Stato la scorsa domenica, ultimo passo di un braccio di ferro che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.