closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Sanzioni più carovita, in Iran salta la pace sociale

Proteste in tutto il paese malgrado la neve. Ridotti i sussidi per la benzina, con il prezzo cresce il malcontento. Una vittima a Sirjian

Ancora una volta, gli iraniani scendono in strada per protestare in tante località diverse e non solo nella capitale Teheran. Ancora una volta, come a fine dicembre 2017 e nel 2018, a spingerli a protestare è il carovita: l’altro ieri le autorità della Repubblica islamica hanno ridotto i sussidi al carburante e – di conseguenza – i prezzi sono lievitati di almeno il 50%. FINO A VENERDÌ SCORSO gli automobilisti iraniani potevano acquistare un massimo di 250 litri di benzina al prezzo sussidiato di 10mila rial al litro, equivalenti a 8 centesimi di euro. Una cifra irrisoria che non teneva...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.