closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Samantha D’Inca, il giudice: «Il padre può interrompere i trattamenti vitali»

Eutanasia. Il Tribunale di Belluno nomina amministratore di sostegno il padre della giovane che è in stato vegetativo da un anno

Samantha D'Incà

Samantha D'Incà

Con un importante decreto destinato a fare storia, il Tribunale di Belluno ha nominato Giorgio D’Incà amministratore di sostegno di sua figlia Samantha, trentenne ridotta in stato vegetativo irreversibile dal 4 dicembre 2020 a causa di un’infezione contratta in ospedale in seguito ad un’operazione chirurgica per la frattura di un femore. Come già avvenne per Eluana Englaro, il signor D’Incà ha condotto una dura battaglia, insieme a sua moglie Genzianella e al fratello gemello di «Samy», per vedere riconosciute le volontà - mai scritte in testamento biologico - della giovane figlia che si era sempre detta contraria a qualsiasi accanimento...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.