closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

«Quei cannoni non devono arrivare alla Turchia»

Roma. RiseUp4Rojava blocca la Rheinmentall Italia Spa. E lancia un appello ai lavoratori e le lavoratrici delle aziende che vendono armi ad Ankara: «Embargo popolare»

L'azione di RiseUp4Rojava a Roma

L'azione di RiseUp4Rojava a Roma

Alle prime luci dell’alba di ieri, nella desolata via Affile alle porte di Roma, tra capannoni industriali che producono qui cioccolatini e lì cannoni da guerra, sono apparse quaranta persone inattese. A passo svelto e in silenzio hanno raggiunto il cancello di una delle fabbriche della zona, la Rheinmetall Italia Spa. Si sono incatenate all’ingresso e hanno srotolato uno striscione: «Stop armi alla Turchia. Embargo popolare». Firmato: «Rise up 4 Rojava». «Da questo stabile nelle prossime ore partirà un cannone diretto verso la Turchia – hanno scritto gli attivisti in un volantino – È vergognoso che l’Italia continui a esportare...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.