closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Quando Trentin criticava D’Alema per quel renzismo ante litteram

Sinistra italiana. Saremo sempre più giudicati non per quello che diciamo ma per quello che facciamo. Come hanno capito Syriza e Podemos con la pratica del nuovo mutualismo

Nell’intervista di Arturo Scotto, sul manifesto di martedì, rispunta un luogo comune della sinistra moderata. «Dobbiamo essere partito di governo, altrimenti ci riduciamo ad un ruolo residuale di testimonianza». La penso all’opposto. Che cioè è stata l’ossessione del governo e la perdita della capacità di testimoniare con le storia delle persone e con le proprie azioni concrete la possibilità di un mondo diverso la causa della progressiva e inesorabile degenerazione della sinistra. Lo disse con chiarezza già nel 2003 Bruno Trentin, quando di fronte allo svuotamento del progetto di società elaborato dai Ds sotto la sua direzione, denunciò con molta...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.