closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Quando la «war on terror» assomiglia a una spy story

Inchieste. «Triplo gioco» di Joby Warrick per la nave di Teseo. Dal Pulitzer 2016 per «Bandiere nere», indagine sulla nascita dell’Isis, il racconto di un tragico fiasco della Cia sulle tracce di al-Qaeda

Già vincitore di due Pulitzer, il primo per una serie di articoli dedicati ai rischi ambientali e sanitari derivanti dagli allevamenti intensivi nella Carolina del Nord, il secondo per l’inchiesta sulla nascita dell’Isis, Bandiere nere, pubblicata anche nel nostro Paese da La nave di Teseo nel 2017 (e già recensita dal manifesto), Joby Warrick è da tempo uno dei reporter di punta del Washington Post. ACCANTO all’estrema cura per le fonti e all’ampia documentazione su cui costruisce le proprie indagini, il lavoro del reporter si segnala, come accade spesso nel giornalismo statunitense, per l’intrigante forma narrativa che riesce ad assumere....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.