closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Per Obama al Congresso il clima si fa pesante

Usa. Per i repubblicani l'ambiente non è una priorità. Così le promesse fatte dal presidente statunitense alla Cop21 si infrangono subito contro il no della Camera alle norme che limitano le emissioni di gas nocivi. In questo modo anche la campagna elettorale si surriscalda

Barack Obama dopo il discorso tenuto alla conferenza sul clima di Parigi

Barack Obama dopo il discorso tenuto alla conferenza sul clima di Parigi

La Camera dei Rappresentanti di Washington ha votato due risoluzioni, già passate al Senato, in contrasto con le norme volute dalla Environmental Protection Agency, l’agenzia per la tutela dell’ambiente, norme finalizzate a limitare del 30 per cento, nell’arco di 15 anni, le emissioni di gas a effetto serra e ad implementare leggi più rigorose per le future centrali termiche. Questa votazione arriva poche ore dopo il discorso di Obama a Parigi durante il summit per il clima Cop21, dove Obama aveva dichiarato che gli Stati Uniti avrebbero guidato gli sforzi dei paesi in cerca di una risposta globale al cambiamento...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi