closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Pechino pronta a subentrare all’«eclissi degli Usa»

Scenari asiatici. Che Trump si intesti pure «il successo coreano» pensano a Pechino; tanto - a quel punto - la domanda successiva sarà una solo e soltanto: che senso avranno in quel contesto pacificato le basi americane in Corea del Sud? Nessuno e lo sanno tanto i cinesi, quanto coreani e americani

Il presidente cinese Xi Jinping e quello americano Donald Trump

Il presidente cinese Xi Jinping e quello americano Donald Trump

Il partito comunista cinese mai si sarebbe immaginato che in Asia, dopo la presidenza Obama, gli Usa avrebbero commesso un errore dietro l’altro, spianando la strada a una «riconquista» asiatica da parte della Cina. E se questa può apparire una sensazione condivisa da analisti (e governi locali) il recente studio del Lowry Institute australiano sul «Power Asia Index» conferma questa lettura. Attraverso 114 parametri, suddivisi in 8 macrocategorie, dagli aspetti più specificamente economici, a quelli militari, per arrivare all’influenza culturale, secondo il Lowry Institute l’attuale posizione degli Stati uniti - ancora predominante ma di poco - è destinata a saltare....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi