closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Palestina, uscire dal vicolo cieco della colonizzazione israeliana

Palestina. L’ininterrotta e illegale espansione di insediamenti israeliani nei Territori occupati e a Gerusalemme, cancella irreparabilmente la prospettiva dello Stato palestinese e dei due Stati

In blu le aree di nuova edificazione ebraica a Gerusalemme Est; in rosso la linea del Muro di Separazione; in marrone le aree edificate palestinesi (fonte: Haaretz.com)

In blu le aree di nuova edificazione ebraica a Gerusalemme Est; in rosso la linea del Muro di Separazione; in marrone le aree edificate palestinesi (fonte: Haaretz.com)

Pochi giorni fa il progetto per un massiccio intervento di urbanizzazione israeliana nella Città Santa ha ricevuto l’approvazione da parte delle autorità municipali di Gerusalemme: riguarda la realizzazione di un nuovo quartiere ebraico nell’area di Atarot, dove un tempo sorgeva l’aeroporto di Gerusalemme. Siamo nella parte orientale della città - che, lo ricordiamo, è un territorio illegalmente occupato da Israele dal 1967. Si tratta del più grande progetto di colonizzazione di Gerusalemme mai approvato: prevede la costruzione di 9.000 abitazioni per ebrei su un’area di 1,2 milioni di metri quadrati. Questo progetto, da solo, equivale a più del 15% di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.