closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Ocse, i dati allarmanti che il governo Renzi non vuole vedere

La ripresa italiana si consolida, sostiene l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico. Un consolidamento al ribasso che svela giorno dopo giorno la tendenziale condizione di stagnazione che andrà a caratterizzare l’Italia da qui al 2017. Secondo le previsioni, l’Italia crescerà nel 2015 dello 0.8% rispetto all’anno precedente, a cui seguirà nei due anni successivi un tasso di crescita del Pil dell’1.4% annuale. È il Paese della zona euro che nel 2015 crescerà meno dopo la Grecia, e che nel 2017 si posizionerà penultimo rispetto a tutti i Paesi Ocse (farà peggio solo il Giappone, stando alle previsioni). Un...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi