closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Ocse, al ballo del decimale non c’è spazio per il lavoro povero del Jobs Act

Crescita secondo loro. Per il governo Renzi stime favorevoli: Pil e occupati crescono dello 0,8%. E' la crescita più bassa nei paesi Ocse. Grande assente: la povertà. Ma tanto basta per rinnovare l'ottimismo da global class di cui Renzi fa sfoggio

L’Ocse alza le stime sul Pil: +0,8% nel 2015, +1,4% nel 2016-2017, in lieve rialzo rispetto a settembre (+0,7%, +1,3%). Sono i dati della crescita più bassa nei paesi Ocse. L'Economic Outlook 2015 sostiene che il governo Renzi dovrebbe «spostare le tasse dal lavoro su consumi e casa», cioè l'opposto di quanto stabilito nella legge di stabilità con il taglio delle tasse sulla prima casa. Inoltre l'Ocse chiede di «spostare in modo permanente la pressione fiscale dal lavoro al consumo e alla proprietà immobiliare, e aumentare le tasse ambientali, rafforzerebbe le fondamenta di una crescita più forte, più verde e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi