closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

May perde il ministro della Difesa, caduto sul caso Huawei

Regno unito. Gavin Williamson costretto a dimettersi dopo la fuga di notizie. Corbyn chiede un’inchiesta penale, rischia fino a 5 anni di carcere

Gavin Williamson con Penny Mordaunt che gli succederà alla Difesa

Gavin Williamson con Penny Mordaunt che gli succederà alla Difesa

«Sono innocente, lo giuro sulla vita dei miei figli» afferma Gavin Williamson, il ministro dimissionario numero quarantadue del governo di Theresa May dopo il secco benservito ricevuto dalla premier per l’affaire Huawei. «Cerca di dare una dimostrazione di forza ora che non riesce a gestire Brexit o la politica interna», ha aggiunto, riferendosi alla premier. Ma per l’ormai ex-Defence secretary Williamson le cose potrebbero andare peggio: potrebbe aprirsi un’inchiesta penale. Williamson è un velenosetto quarantenne già alleato di May e da colei designato a succedere a Michael Fallon (giocatosi a sua volta la cadrega nel 2017 per il suo ronzare...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.