closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Maxi sbarco a Lampedusa. «Li hanno torturati»

Mediterraneo. In 539 su un barcone partito da Zuara. Il medico Msf: «Sulla pelle cicatrici da ferri incandescenti». Patronaggio apre un’inchiesta

Il barcone arrivato ieri a Lampedusa

Il barcone arrivato ieri a Lampedusa

«Alcune persone avevano i segni di ferri incandescenti applicati sulla pelle, altre cicatrici da colpi di arma da fuoco e ustioni di vario tipo. In genere questi problemi emergono dopo, ma stavolta in tanti, appena scesi sul molo, ci hanno raccontato di aver subito violenze e torture». Nicolò Binello ha visitato insieme ai colleghi di Medici senza frontiere i migranti arrivati ieri mattina a Lampedusa su un grande barcone che trasportava 539 persone. Bangladesh, Marocco e Siria le nazionalità prevalenti. E poi: Yemen, Eritrea, Palestina, Nigeria, Ghana, Algeria. Una piccola torre di babele di lingue e provenienze riunite sulle coste...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.