closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Malati ma costretti a lavorare, paura per i braccianti sikh

Covid. Nella provincia di Latina la situazione epidemiologica è a rischio. Manca un monitoraggio adeguato, il resto lo fa lo sfruttamento

Braccianti sikh in un’azienda agricola dell’Agro pontino

Braccianti sikh in un’azienda agricola dell’Agro pontino

«Non si è fatto vedere nessuno in queste settimane dalla Asl. Ho anche chiamato più volte il capo della comunità indiana di Sabaudia che mi ha solo presa in giro. A Bella Farnia ci sono indiani che continuano ad andare a lavorare in alcune aziende anche se stanno male. Questo accade perché altrimenti non verrebbero più richiamati dal caporale. Oppure alcuni padroni non gli rinnoverebbero il contratto perché sostituiti dai braccianti sani». A parlare è Sonia Kaur, ragazza di origine indiana ma residente a Sabaudia, nel residence Bella Farnia Mare, in provincia di Latina. Il residence è la dimora di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi