closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Londra si tiene l’oro venezuelano, Caracas: «È una frode»

Venezuela. Sentenza definitiva della Corte suprema sui 32 lingotti del valore di 1,6 miliardi di euro: nonostante le elezioni perse e il disconoscimento internazionale, per il Regno unito il vero presidente è Juan Guaidó 

Il presidente venezuelano Maduro

Il presidente venezuelano Maduro

È una decisione dai contorni surreali quella con cui la Corte suprema britannica ha negato ancora al governo Maduro la possibilità di recuperare l’oro venezuelano sequestrato dalla Banca d’Inghilterra: 32 lingotti del valore di 1,6 miliardi di euro. Un inatteso passo indietro rispetto alla sentenza emessa un anno fa dalla Corte d’Appello di Londra, che a sua volta aveva annullato il verdetto con cui l’Alta corte di giustizia aveva respinto la richiesta di Caracas di trasferire parte dell’ingente somma al Programma Onu per lo sviluppo (Pnud) per far fronte alla pandemia, attribuendo al solo Juan Guaidó, riconosciuto in maniera «inequivocabile»...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.