closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Francia, Libia (e Italia), grandi manovre nel deserto

Domani Macron sarà a Roma per il Trattato Quirinale. Qualcuno spera che Mattarella chieda al presidente francese , dopo 41 anni, lumi sulla strage di Ustica

Soltanto un ingenuo può pensare che le manovre nel deserto tra Egitto e Francia, ai confini con la Libia, potessero restare segrete. I russi, che sorvolano lo spazio aereo egiziano, le conoscevano già. All’inizio la missione Sirli, iniziata nel 2016, doveva combattere soltanto i jihadisti, poi l’Egitto ha usato le informazioni dei servizi segreti francesi in missione in terra egiziana contro trafficanti di droga e di esseri umani, uccidendo centinaia dei civili. In realtà la missione è andata avanti fino al 2018 perché, al di là della lotta al terrorismo e ai contrabbandieri, faceva comodo al generale Al Sisi e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.