closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Libano, lo spettro di una nuova guerra civile e gli interessi esterni

Beirut. I tiri dei cecchini ieri sulla manifestazione sciita gettano il paese dei cedri in una pericolosa incertezza mentre gli Usa stringono la morsa sull'Iran, la Siria e Hezbollah

Beirut. Gli scontri a fuoco di ieri nel sud della capitale

Beirut. Gli scontri a fuoco di ieri nel sud della capitale

Ain al Remmaneh. Un nome legato al primo massacro della guerra civile libanese. Il 13 aprile 1975 un autobus che attraversava Ain al Remmaneh, roccaforte della destra cristiana maronita alla periferia di Beirut, fu bersagliato con fitti mitragliamenti. A bordo 27 profughi palestinesi. Morirono tutti: uomini e donne. Crivellati di colpi. Poche ore prima quattro cristiani erano stati uccisi fuori da una chiesa. Poi il 18 gennaio del 1976 ci fu il massacro di Karantina (almeno mille i morti), una baraccopoli musulmana abitata da curdi, siriani e palestinesi, compiuto da cristiani falangisti. Due giorni dopo a Damour dozzine di cristiani...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.