closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

«L’hotel Rigopiano andava evacuato due giorni prima»

La perizia della Procura. I 29 morti del 18 gennaio scorso si potevano evitare. L’analisi conferma inoltre quanto emerso dalle verifiche svolte dal Forum Acqua Abruzzo, che aveva per primo denunciato come il resort fosse stato realizzato su detriti di precedenti valanghe

L'Hotel Rigopiano travolto dalla valanga

L'Hotel Rigopiano travolto dalla valanga

«Per salvare vite sarebbe stato necessario sgomberare l’hotel due giorni prima della tragedia. L’evacuazione sarebbe dovuta avvenire già dal primo pomeriggio del 16 quando sia i bollettini meteorologici sia quello emesso dal Meteomont avevano confermato lo scenario di precipitazioni nevose intense e di possibile attività valanghiva». È una delle conclusioni a cui giungono i tre periti - Bernardino Chiaia, Igor Chiambretti e Barbara Frigo - della Procura di Pescara riguardo al dramma del resort di Rigopiano, dove il 18 gennaio scorso sono morti, intrappolati sotto ghiaccio e macerie, in 29. Erano clienti e personale dell’albergo. La valanga - spiegano i...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.