closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

L’Europa senza diritti di Kara Tepe, il campo profughi di Lesbo

Più di 2.000 i migranti presenti. E oggi arriva il pontefice. Realizzato con il soldi dell’Ue, è di fatto una prigione per coloro che vi sono richiusi

Quasi sei anni dopo è cambiato poco o niente. Certo, sono più piccole le dimensioni del campo nel quale si trovano i migranti e, di conseguenza, il numero dei disperati che vi sono richiusi oggi è molto inferiore rispetto ad aprile 2016, quando papa Francesco arrivò per la prima volta a Lesbo. Ma le differenze rischiano davvero di finire qui. Quella nella quale atterra oggi il pontefice è un’isola in cui da troppo tempo alcuni diritti che fino a qualche anno fa sembravano intoccabili in Europa - come la libertà di movimento - sono invece sospesi, accantonati insieme alla solidarietà...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.