closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Le troppe zone grigie che ostacolano la rivoluzione verde

Clima. Timide misure dal G20 a Cop26. Anche dove si fa un passo avanti si rischia di farne due indietro. Così nel settore delle auto, dei chip, dell’agricoltura e dell’allevamento

Cop26 a Glasgow

Cop26 a Glasgow

Anche senza ricorrere ai duri giudizi di Greta o ai più misurati editoriali del Financial Times appare evidente che gli accordi sul clima del G20 e del Cop26 si collocano molto al di qua di quello che sarebbe necessario per stare tranquilli. Così è importante continuare a combattere. Anche cercando di sottolineare alcune tra le tante zone grigie rimaste almeno relativamente nell’ombra. Una di queste riguarda l’auto, tra i rari settori in cui sembra che le cose comincino a marciare nella giusta direzione. Le vendite di quelle elettriche stanno decollando e si prevede che già quest’anno se ne esiteranno nel...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.