closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

La solidarietà diventa reato, irruzione a Linea d’Ombra

Trieste. L'associazione assiste migranti accusata di favoregiamento dell'immigrazione clandestina

Presidio spontaneo in piazza Libertà, ieri pomeriggio, per ricordare che quella è la piazza di tutti, la piazza di Linea d’Ombra e della Strada Si.Cura e dei migranti feriti, affamati, spaventati, che hanno percorso la rotta balcanica e sono arrivati fino a lì. Pochi, alla spicciolata, attraversando nazioni e confini e filo spinato, rincorsi dai cani, bastonati dalle polizie, ributtati indietro senza spiegazioni nella neve delle discariche e dei boschi della Bosnia. Senza diritti, nemmeno quello di provare a sopravvivere. Solidarietà a Linea d’Ombra perché all’alba la polizia aveva fatto irruzione nell’abitazione privata di Gian Andrea Franchi e Lorena Fornasir...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi