closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

La riforma è fatta, Napolitano per la firma

Martedì il voto finale, con l’ex capo dello stato che pensa di intervenire in aula. Ultimo giorno di conta sugli articoli, e ultimi abbagli del governo. Sui giudici costituzionali e le elezioni regionali

Il senatore Verdini e la ministra Boschi ieri durante le votazioni in senato

Il senatore Verdini e la ministra Boschi ieri durante le votazioni in senato

Terminate ieri sera le votazioni sugli articoli, martedì pomeriggio si concluderà il passaggio della modifica costituzionale al senato; è annunciato un solenne intervento in dichiarazione di voto del senatore a vita Giorgio Napolitano, regista della riforma dal Quirinale e, parola della ministra Boschi, vero padre del disegno di legge che riscrive l’intera seconda parte della Carta del ’48. Renzi ha già fatto il suo tweet: «Dicevano il governo non ha i numeri, visto com’è andata?». È andata che nei voti segreti il governo non ha mai raggiunto la maggioranza assoluta (161 voti) che sarà indispensabile nel prossimo passaggio della riforma,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi