closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

La radicalità dello sguardo nell’enciclopedia della Storia

Cinema. I lavori più attuali di Ermanno Olmi, dal documentario «Vedete, sono uno di voi» a «Ritorneranno i prati»

Il generale apprezzamento di stima verso Ermanno Olmi ha rischiato negli ultimi anni di mettere in ombra quanto il suo cinema più recente fosse azzardato. Basta evocare l’ultimo film da lui diretto, Vedete, sono uno di voi, in cui la voce di Olmi assume sin dall’inizio il ruolo del cardinale Martini, rendendo trasparente la dichiarazione del titolo e unendo il soggetto in prima persona («sono») con una seconda persona («vedete», «voi») il cui plurale ribadisce la necessità di singolarità infinite («uno»). Si tratta di un procedimento inverso ma con esiti convergenti rispetto a quel film unico che fu E venne...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi