closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

La polizia blocca 10 pullman da Napoli, ma la protesta di De Magistris funziona

Sotto Montecitorio. Contro il debito ingiusto ereditato dal terremoto del 1980 e dal commissariamento dell'emergenza rifiuti

Il sindaco di Napoli Luigi De Magistris

Il sindaco di Napoli Luigi De Magistris

«Non è un paese normale se si difendono le manifestazioni di organizzazioni che si ispirano al nazifascismo e, nello stesso tempo, si impedisce l’esercizio di una manifestazione democratica», spiegava ieri mattina dal palco il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris. Sindaco, assessori e consiglieri erano a Roma, in piazza Montecitorio, per un’iniziativa contro «il debito ingiusto» che blocca le casse del comune: 87 milioni risalenti al commissariato per il terremoto del 1980 (un credito vantato dal consorzio Cr8 che realizzò interventi a Napoli e provincia) e 67 milioni del commissariato all’emergenza rifiuti. A mezzogiorno però c’era solo il sindaco: dieci...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi