closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La guerra di Sabratha sconfina in Tunisia

Insabbiati. Scontri oltre frontiera tra jihadisti ed esercito tunisino, almeno 52 i morti. Tripoli-Tobruk, il governo unitario che vuole l'Occidente resta un miraggio

Forze tunisine a presidio del confine con la Libia

Forze tunisine a presidio del confine con la Libia

Sono almeno 52 i morti - tra cui sette civili e dieci militari - negli scontri tra esercito tunisino e miliziani dello Stato islamico a Ben Guerdane al confine tra Tunisia e Libia. Il presidente tunisino, Beji Caid Essebsi, ha condannato l’attacco «senza precedenti» denunciando la volontà dei jihadisti di «proclamare» la nascita di «una nuova provincia» del Califfato. La città tunisina si trova ad appena 160 km dalla provincia libica di Sabratha. Le autorità tunisine hanno imposto il coprifuoco notturno e chiuso i valichi di Ras Jadir. Potrebbe trattarsi di una vendetta di Isis, dopo i raid degli Stati...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.