closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Industria 4.0 e green economy, la Ue frena la Cina su export e investimenti

Europa/Cina. Dei 137 prodotti necessari all'Europa e in arrivo dall'estero, la metà sono cinesi. Dalle tecnologie avanzate per cloud agli ingredienti farmaceutici attivi, l'Unione prova a rallentare la corsa alle aziende della Repubblica popolare

Container in partenza dal territorio cinese

Container in partenza dal territorio cinese

L’Unione europea rivuole la sua autonomia. È del 5 maggio la nuova strategia industriale delineata dalla Commissione che definisce 137 prodotti «molto sensibili all’offerta esterna al mercato unico». Tra questi sono 34 in particolare a preoccupare perché scarsi su suolo europeo, con la conseguente necessità di importarli da fornitori esteri. Tra i settori centrali emergono le tecnologie avanzate per cloud (archiviazioni dei dati nella rete) ed edge computing (elaboratori di dati che non necessitano di server fisicamente distanti dalla fonte dei dati), semiconduttori, ingredienti farmaceutici attivi (il principio attivo dei farmaci, un mercato che le proiezioni dicono raggiungerà i 1,5...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi