closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Inchiesta choc sugli abusi sessuali della chiesa francese

Il rapporto Sauvé. 330mila le vittime, di oltre tremila preti e religiosi pedofili, tra il 1950 e il 2020. Sono i numeri sconcertanti della commissione indipendente voluta dai vescovi d’Oltralpe, che l’episcopato italiano non intende seguire

Il presidente della Conferenza episcopale francese, Eric de Moulins-Beaufort, in attesa della lettura del rapporto Sauvé

Il presidente della Conferenza episcopale francese, Eric de Moulins-Beaufort, in attesa della lettura del rapporto Sauvé

Sono numeri da bilancio di una guerra quelli che arrivano da Parigi, dove ieri è stato presentato il rapporto della Commissione indipendente sugli abusi sessuali nella Chiesa cattolica (Ciase) di Francia fra il 1950 e il 2020: 330mila vittime di oltre tremila preti e religiosi pedofili. È LA PRIMA VOLTA che in Francia viene pubblicato un rapporto globale sulla questione degli abusi sessuali nella Chiesa. La Conferenza episcopale ha optato per un’operazione trasparenza, come già avvenuto in altri Paesi (Usa, Germania, Irlanda, Australia): commissioni volute dai vescovi ma totalmente indipendenti che hanno avuto accesso agli archivi e hanno incontrato vittime...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.